ASSOCIAZIONE MACULOPATIE DEGENERATIVE ONLUS
| HOME | EMAIL | CONTATTI |


Domande e risposte


Menu scelta colori ed immagini

AMD arrow Le maculopatie degenerative arrow Le vostre domande
Domande e risposte PDF Stampa E-mail

1. Cosa sono le degenerazioni maculari?
Le degenerazioni maculari sono un gruppo di malattie caratterizzate da una progressiva degenerazione delle cellule della regione maculare della retina, quella che permette la visione centrale e distinta. Ciò comporta che le persone affette da queste patologie perdano gradualmente la visione ad “alta definizione” garantita dalla macula.

2. Quali sono i tipi di degenerazioni maculari? E chi colpiscono?
La causa più frequente di degenerazione maculare è la patologia detta Degenerazione maculare legata all’età (o AMD), che interessa solitamente persone al di sopra dei 50 anni ed è la principale causa di cecità legale nella popolazione anziana. La macula può essere interessata da patologia anche nell’ambito della retinopatia diabetica, la presenza di essudati e l’accumulo di liquido che fuoriesce dai capillari, determinando una condizione chiamata edema maculare, costituiscono la più comune causa di perdita della funzione visiva nei pazienti diabetici. Anche i soggetti altamente miopi possono andare incontro ad una degenerazione maculare, detta in questo caso degenerazione maculare miopica.
In aggiunta a queste malattie frequenti ce ne sono altre più rare che colpiscono bambini, adolescenti e adulti e vengono per questo definite degenerazioni maculari ad insorgenza precoce o più correttamente distrofie maculari. Queste ultime sono solitamente determinate geneticamente, ereditabili in maniera dominante, recessiva o legata al sesso.

3. Quali sono le degenerazioni maculari ad insorgenza giovanile?
In questo gruppo di patologie sono incluse la Malattia di Stargardt e il Fondo flavimaculato, la Malattia di Best e la Distrofia vitelliforme, la Degenerazione vitelliforme dell’adulto, le Drusen familiari (dominanti), la Distrofia a pattern, l’Edema maculare cistoide dominante, la Distrofia maculare di Sorsby, la Distrofia maculare del Nord Carolina, l’Atrofia corioretinica bifocale progressiva, l’Atrofia areata, la Degenerazione dei coni, la Distrofia coroideale areolare centrale.

4. Che cos’è la degenerazione maculare legata all’età (AMD)?
La degenerazione maculare legata all’età o AMD è una patologia progressiva che coinvolge la macula, la regione della retina deputata alla visione centrale e ad “alta definizione”. La visione centrale è quella che ci consente di leggere, guidare, riconoscere i volti e i colori, osservare le cose nel dettaglio. La degenerazione maculare legata all’età colpisce solitamente persone al di sopra dei 50 anni d’età ed è frequente nella popolazione anziana. La prevalenza della malattia aumenta con l’età: colpisce il 14.4% dei soggetti tra i 55 e i 64 anni, il 19,4% di coloro tra i 65 e i 74 anni ed il 36,8% di coloro oltre i 75 anni.

5. Come vede una persona affetta da AMD?
La visione centrale viene progressivamente persa. Le immagini appaiono dapprima sfuocate e confuse, viene persa la sensibilità al contrasto e ai colori, le immagini possono apparire alterate ed ondulate. La progressione della malattia porta all’instaurarsi di una macchia scura al centro del campo visivo. La visione centrale e distinta viene dunque gravemente danneggiata, ma quella periferica, che si usa per la deambulazione e per l’orientamento, rimane intatta.

6. L’AMD porta a cecità?
L’AMD coinvolge solamente la macula e dunque la visione centrale, lasciando inalterata quella periferica. L’AMD da sola non porta alla cecità totale.

7. L’AMD causa dolore?
No

8. L’AMD è contagiosa?
No, mai.

9. Esistono segni esterni sull’occhio che indicano la presenza dell’AMD?
No, mai.

10. Ci sono diverse forme di AMD?
Sì, l’AMD può essere classificata in due forme: una atrofica o secca e una umida, essudativa o neovascolare.

11. Che cos’è l’AMD umida (o neovascolare, o essudativa)?
L’AMD umida si verifica quando dei vasi sanguigni anormali cominciano a crescere al di sotto della macula. Con l’AMD umida la perdita della visione centrale può verificarsi rapidamente. L’AMD umida è considerata una forma avanzata di AMD ed è generalmente più grave della forma secca.

12. Che cos’è l’AMD secca (o atrofica)?
L’AMD secca si verifica quando i fotorecettori (le cellule sensibili alla luce) della macula lentamente degenerano, determinando una graduale riduzione della visione centrale nell’occhio che ne è affetto. L’AMD secca viene classificata in uno stadio precoce, uno stadio intermedio  e uno avanzato a seconda del numero e delle dimensioni delle drusen e   alterazioni dell’epitelio pigmentato retinico. Man mano che l’AMD secca progredisce si può instaurare una zona centrale della vista sfuocata e priva di contrasto che può rendere difficile leggere e  svolgere altre attività della vita quotidiana. Col tempo questa zona diviene più grande e sempre più scura, coinvolgendo sempre più la visione centrale. Ciò può determinare una importante difficoltà a leggere e a riconoscere i volti, a meno che non siano molto vicini.

13. Cosa sono le drusen?
Le drusen sono dei depositi giallastri sotto la retina. Sono riscontrabili facilmente nelle persone ultrasessantenni. Il suo oculista può individuare le drusen durante un esame del fondo oculare.

14. Sono le drusen che causano la perdita della visione nell’AMD secca allo stadio avanzato?
No, le sole drusen solitamente non causano perdita visiva. Il calo visivo è secondario alla progressiva atrofia dell’epitelio pigmentato e dei fotorecettori

15. L’AMD secca presenta diversi stadi. L’AMD umida è classificata negli stessi stadi?
No, la forma umida è considerata AMD avanzata.

16. E’ più comune l’AMD secca o umida?
L’AMD secca è molto più comune. Più dell’85% delle persone con AMD intermedia o avanzata hanno la forma secca. La forma umida è però quella che generalmente ha l’evoluzione più rapida e grave, costituendo circa il 90% delle cause di perdita grave di visione centrale per AMD.

17. La forma secca dell’AMD può evolvere nella forma umida?
Sì, l’evoluzione può verificarsi in qualsiasi momento ed in tempi anche rapidi.

18. Quali sono i sintomi dell’AMD umida?
Un sintomo precoce dell’AMD umida è che le linee dritte appaiono ondulate. Se si accorge di questa condizione contatti al più presto il suo oculista perché necessita di un esame oculistico completo.

19. Quali sono i sintomi dell’AMD secca?
Il sintomo più comune dell’AMD nella forma secca è una visione lievemente sfuocata. Può risultare difficile leggere o riconoscere i volti.

20. Chi è a rischio di sviluppare l’AMD?
L’AMD è più comune nelle persone anziane, ma può verificarsi anche nelle età intermedie. Il rischio aumenta con l’età, il fumo, la familiarità, l’obesità, la razza bianca.

21. Il fumo predispone all’AMD?
Sì. Il fumo indebolisce la retina riducendo le naturali barriere difensive dell'occhio e determina un suo precoce invecchiamento. Rispetto a chi non ha mai fumato, un fumatore anziano presenta un rischio 4-5 volte superiore di sviluppare la degenerazione maculare.

22. L’AMD è ereditaria? Perché c'è più rischio per chi ha in famiglia delle persone che si sono già ammalate di degenerazione maculare?
L’AMD non è ereditaria, ma tra le cause dalla malattia ci sono molti fattori genetici e sono questi che possono essere ereditati, predisponendo alla malattia. I consanguinei di persone colpite da forme gravi corrono un rischio 4-5 volte superiore alla media di sviluppare l’AMD.

23. Sforzare la vista può predisporre all’AMD?
No.

24. Si può essere affetti da AMD senza rendersene conto?
Sì e per questa ragione è bene andare periodicamente dall'oculista per un controllo.

25. Ogni quanto è bene andare dall'oculista per poter prevenire l’AMD?
Una volta all'anno e comunque non appena si cominciano a notare alcuni disturbi. E' bene sapere che all'inizio della malattia si può assistere ad un lento e graduale calo della vista, a meno che la malattia non si manifesti subito in forma grave. Il sintomo tipico che deve far scattare un campanello di allarme, consiste nel vedere immagini o porzioni di immagini distorte, ondulate. In questa fase possono essere anche presenti aree sfocate o annebbiate nella parte centrale delle immagini. Queste zone oscure diventano con il tempo delle vere e proprie macchie nere o grigiastre che tendono ad allargarsi sempre di più.

26. L’AMD colpisce sempre tutti e due gli occhi?
No, può anche interessare un unico occhio. In questo caso l'occhio sano corre comunque un rischio molto superiore alla media di ammalarsi (fino al 60-80% in più ).

27. Come faccio a sapere se ho l’AMD e in che stadio sia?
Il suo oculista può dirle se è affetto da AMD ed il suo stadio di progressione. Ciò è possibile attraverso un esame oculare dopo l’uso di alcune gocce per dilatare le pupille. Ciò permette una attenta osservazione delle strutture interne dell’occhio.

28. Com’è diagnosticata l’AMD?
Il medico farà un esame generale della vista (lettura di lettere e simboli, test di Amsler ecc), quindi approfondirà la visita con un esame che si effettua attraverso una lente in modo da analizzare la superficie della retina per valutare eventuali alterazioni. Infine, se necessario, si può effettuare una angiografia iniettando cioè una sostanza colorante che attraversando i vasi sanguigni interni della retina consente di evidenziare con esattezza quali punti o zone sono colpiti dalla malattia e come è meglio intervenire per preservare al massimo la capacità visiva del paziente. Il colorante utilizzato può essere fluoresceina, in questo caso si parla di Fluorangiografia (FAG), oppure verde d’indocianina e l’esame in questione si chiama Angiografia con verde d’indocianina (ICGA).   Altri esami che possono essere utili e che il suo oculista le consiglierà se indicati sono l’OCT e la microperimetria.

29. Cos’è il test di Amsler?
Il test è semplice e chiunque può eseguirlo senza l'aiuto di un medico. In pratica si tratta di un reticolo (simile ad un foglio a quadretti), che riporta al centro un punto nero. Il test si esegue ad una normale distanza di lettura (30 cm dagli occhi), indossando gli occhiali abitualmente utilizzati per leggere. Si copre quindi un occhio e si fissa il punto nero al centro della griglia. Si ripete l'operazione con l'altro occhio. Se le linee appaiono ondulate, distorte o interrotte, se si percepiscono zone sfocate o annebbiate, assenza del punto nero o di altre parti della griglia, un'immagine comunque irregolare, è bene rivolgersi subito ad un oculista. E’ importante che questo test venga effettuato, anche a casa, il più spesso possibile e, in caso di anomalie, ci si rivolga al più presto al proprio oculista.

30. Com’è trattata l’AMD secca?
Una volta che lo stadio avanzato dell’AMD secca viene raggiunto, non c’è alcun trattamento che possa evitare il calo visivo. Comunque, il trattamento può ritardare o prevenire la progressione della patologia allo stadio avanzato. In particolare gli integratori nutrizionali con antiossidanti e vitamine, se assunte nello stadio intermedio, possono ritardare la progressione allo stadio avanzato dell’AMD secca.

31. Com’è trattata l’AMD umida?
L’AMD umida può essere trattata mediante laser, terapia fotodinamica e farmaci iniettati direttamente all’interno dell’occhio. Spetta al suo oculista decidere quale trattamento sia il più indicato per il suo caso.

32. Chi dovrebbe assumere le combinazione a base di antiossidanti e zinco?
Le persone che dovrebbero considerare l’assunzione di combinazioni con antiossidanti e zinco sono quelle ad alto rischio di sviluppare AMD allo stadio avanzato, ovvero quelle che hanno AMD di grado intermedio in uno o entrambi gli occhi oppure quelli con AMD avanzata in un occhio ma non nell’altro. L’oculista è in grado di riconoscere chi debba assumere integratori.

33. Sto già assumendo vitamine quotidianamente, devo sospendere questa assunzione se per il mio caso è indicata la supplementazione con antiossidanti e zinco specifica per la mia malattia?
Le persone in cui è indicata la supplementazione con antiossidanti e zinco dovrebbero consultarsi col proprio medico curante o col proprio oculista per rivedere l’apporto giornaliero di vitamine. Molte delle persone che assumono la combinazione con zinco e antiossidanti possono continuare ad assumere dei preparati multivitaminici che  garantiscano il fabbisogno quotidiano della maggior parte di vitamine e minerali.

34. Ci sono delle ragioni per cui alcune persone debbano essere particolarmente caute nell’assunzione di combinazioni con zinco e antiossidanti?
Sì, ci sono delle ragioni per cui essere cauti nell’assunzione di antiossidanti e zinco, in particolar modo per quanto riguarda le persone più anziane. Infatti molti dei pazienti anziani assumono contemporaneamente diversi farmaci e le supplementazioni di vitamine e minerali possono interagire con questi farmaci o ridurne l’assorbimento. Le persone che intendano assumere le combinazioni di minerali e vitamine farebbero bene a discuterne prima con il proprio medico curante o con il proprio oculista, in particolar modo quelle in terapia cronica per patologie quali cancro, malattie cardiovascolari e diabete. Il medico curante e l’oculista possono aiutarla a determinare quale formulazione e quali dosaggi siano i più indicati per il suo caso.

35. Mi è stata diagnosticata AMD a uno stadio precoce, devo assumere antiossidanti e zinco per prevenire la progressione allo stadio intermedio?
Non è necessario che i pazienti con AMD precoce assumano antiossidanti e zinco. Gli studi che sono stati condotti non hanno evidenziato, nei pazienti con AMD precoce, un rallentamento della progressione della patologia a seguito dell’assunzione della combinazione di antiossidanti e zinco.

36. Il mio stile di vita può in qualche modo influire sull’AMD?
Il suo stile di vita può contribuire a ridurre il rischio di sviluppare l’AMD. Assuma una dieta sana, ricca di frutta, verdura e pesce. Non fumi. Mantenga una pressione sanguigna normale. Tenga d’occhio il suo peso. Faccia dell’esercizio fisico.

37. C’è qualche cibo specifico che potrebbe predisporre alla malattia?
No. In generale però un'alimentazione ricca di frutta e verdura e povera di grassi protegge l'organismo con l'apporto di sostanze cosiddette antiossidanti; queste sono in grado di combattere la formazione dei radicali liberi responsabili dei processi di invecchiamento a carico dell'occhio e possono essere assunte dai soggetti a rischio anche attraverso specifici integratori dietetico-vitaminici. Anche i grassi omega-3 presenti nel pesce sembrano avere un qualche effetto benefico.

38. Cosa posso fare se ho già perso in qualche misura la mia capacità visiva a causa dell’AMD?
In questo caso il suo oculista o l’associazione AMD (sito internet www.amdonlus.it) può consigliarle dei servizi per ipovedenti o degli ausilii che le permettano di sfruttare al massimo la sua visione rimanente. Non si preoccupi di utilizzare i suoi occhi per guardare la televisione, leggere o fare altre attività di routine, ciò non comporterà un ulteriore danno ai suoi occhi.

39. Ci sono centri specialistici ai quali rivolgersi?
In generale tutti gli oculisti, nell'ambito della visita generale della vista, possono sospettare la presenza di degenerazione maculare. Tuttavia per poter effettuare gli esami più specialistici e quindi ottenere una diagnosi certa nonché per eseguire la terapia più idonea è bene rivolgersi a retinologi esperti e ai centri specializzati nelle malattie della retina. Per dettagli in merito alla lista degli specialisti del settore, può rivolgersi ad AMD, Associazione Maculopatie Degenerative. Per dettagli può visitare il sito www.amdonlus.it oppure chiamare il numero verde 800 859020.

40. Esiste un’associazione che si occupi di questa malattia?
Sì, nel 2006 è nata a Roma AMD, Associazione Maculopatie Degenerative, che si occupa proprio di queste patologie e offre informazioni in proposito. Per dettagli, può visitare il sito www.amdonlus.it oppure chiamare il numero verde 800 859020.

 
AMD Associazione Maculopatie Degenerative Onlus Via Schopenhauer, 41 - 00156 Roma Tel. 06.64.72.09.89
Fax. 06.35.49.17.36 Cell. 334.72.61.476 E-mail: info@amdonlus.it Filo diretto: info@amdonlus.it
BluNeroGrigio ScuroRosso scuroRosso chiaroBiancoGrigio chiaroBluNeroGrigio scuroRosso ScuroRosso ChiaroBiancoGrigio ChiaroCarattere normale Carattere grande Carattere molto grande